Connect with us

Social Network

I social siamo noi: sappiamo che cos’è e come si usa LinkedIn?

In Rete non ci comportiamo sempre in modo appropriato: o diamo troppe informazioni o ne diamo troppo poche. Questo succede perché non sempre siamo in grado di riconoscere il nostro valore personale (e professionale) e trasmetterlo online. Ecco come LinkedIn ci può aiutare

Nel 1973 il sociologo americano Mark Granovetter pubblica uno studio dal titolo “La forza dei legami deboli”, in cui analizza la distinzione tra legami forti – i familiari, gli amici intimi – e legami deboli – conoscenze, colleghi -: secondo Granovetter i secondi sono molto più efficaci dei primi nel dare accesso a informazioni utili e a trovare posizioni di lavoro migliori.

Questa riflessione è valida ancora oggi, soprattutto se parliamo di LinkedIn.

LinkedIn è la più grande rete professionale al mondo su Internet. Fondato nel 2003, collega i professionisti di tutto il mondo per aumentarne la visibilità e renderli professionisti di successo.
Con sede centrale nella Silicon Valley, LinkedIn ha uffici ovunque e conta 610 milioni di membri in tutto il mondo.

Il principio alla base del funzionamento di LinkedIn è creare una rete professionale online; non a caso ogni persona che ne fa parte viene definita “connessione” e non “amico”.

(da: pixabay.com)

Comunicare noi stessi su LinkedIn

Sappiamo parlare di noi stessi online?
Sappiamo mostrare un’identità professionale e personale?
Abbiamo una personalità coerente?

La risposta a queste domande non è scontata. Dipende dal tipo di approccio che usiamo per comunicare noi stessi.

In Rete non ci comportiamo sempre in modo appropriato: o diamo troppe informazioni o ne diamo troppo poche. Questo succede perché non sempre siamo in grado di riconoscere il nostro valore personale (e professionale) e trasmetterlo online.

Che cosa mostrare di noi?
Che cosa rendere pubblico e come valorizzarlo?

La risposta è usare LinkedIn.

Possiamo considerare il social network come un biglietto da visita aumentato, in cui tracciare in modo dinamico tutta la nostra attività professionale. LinkedIn comunica una certa immagine di noi, facendoci lavorare su due piani fondamentali: la nostra reputazione e la nostra rete di conoscenze.
Il primo consiglio degli esperti è costruire la propria rete di collegamenti quando non ne abbiamo bisogno: è il modo migliore per osservare, studiare, analizzare e strutturare relazioni deboli da curare nel tempo che ci permettano, in futuro, di ottenere informazioni utili o posizioni di lavoro migliori.

Il personal branding

Attuare queste operazioni si chiama fare personal branding. Il personal branding è un modo per farsi trovare e scegliere online, per attirare opportunità legate a quello che sappiamo fare meglio. Dobbiamo puntare la nostra attenzione sulla reputazione, sulle percezioni, sulle sensazioni e sulle idee che gli altri si fanno di noi. Il che significa diffondere le informazioni giuste per generare le impressioni che desideriamo, in modo coerente e costante e ricordandoci che la verità paga sempre. Per tutti questi motivi il nostro profilo su LinkedIn deve essere completo sotto tutti i punti di vista.

(di: Foto di Sergey Zolkin on Unsplash)

Un profilo completo su LinkedIn

Che cosa rende un profilo completo su LinkedIn?

È lo stesso social network a fornirci la risposta:

1. indicare il settore di appartenenza

2. indicare la località in cui operiamo e il codice postale

3. indicare la posizione lavorativa attuale

4. indicare due posizioni lavorative precedenti

5. indicare il nostro percorso di formazione

6. compilare il riepilogo e il sommario

7. indicare almeno cinque competenze

8. inserire la foto del profilo

9. indicare le specializzazioni

10. indicare le esperienze di volontariato

11. avere almeno tre segnalazioni

Come parlare di sé nel modo giusto

Gli obiettivi di un profilo LinkedIn sono: trovare nuove e migliori opportunità lavorative, essere aggiornati sul proprio settore, fare rete. Per raggiungere questi obiettivi, dobbiamo crearci una reputazione professionale adeguata.

Come?

Le nostre capacità e le nostre qualifiche sono indubbiamente importanti, ma quando cerchiamo un contatto attraverso le parole è ancora più importante avere bene in mente chi ci leggerà, che cosa si aspetta da noi, cosa potrebbe creare un legame. Usiamo le caratteristiche dello “human touch”, ovvero l’intuizione, l’empatia, l’emozione, la creatività, la capacità di immaginare.

Perché le parole sono importanti e i legami lo sono ancora di più.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

#BodyPositivity: il normale non esiste

Medicina

Il football sala: sport e socialità

Sport

Fitness in spiaggia: gli esercizi per allenarsi in riva al mare

Fitness

Il gesto primordiale della musica nell’evoluzione della società moderna

Musica

Dieci mosse per preparare lo zaino e partire

Viaggi

Lotta al cibo fasullo, tra italiani e francesi nasce un nuovo patto di ferro

Food & wine

Intervista a RT Poop

Millennial

Le canzoni della Luna, prima e dopo Apollo 11

Musica

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter