Connect with us

Economia

ECOMMERCE O COMMERCIO AL DETTAGLIO: QUALE FUTURO?

Fino a pochi anni fa il mondo digitale rappresentava un ambiente distante da quello fisico, attualmente, invece, il crescente sviluppo dell’e-commerce insieme alle innovazioni tecnologiche e complice la pandemia, hanno assotigliato sempre di più il confine tra commercio fisico e virtuale.

Nonostante il numero degli acquisti online stabilisca record di mese in mese, l’ultimo anno ci ha ricordato quanto siano essenziali i rivenditori di piccole, medie e grandi dimensioni per la vita quotidiana della comunità.

Competizione del mercato, clienti meno fedeli, sovrapposizione di ruoli tra fornitori e retailer, sviluppo di canali di vendita alternativi hanno concretizzato la necessità di innovare attraverso nuove idee la convivenza virtuosa tra fisico e digitale.

Appare evidente il valore aggiunto di avere modalità di acquisto che dialogano tra loro, in modo da personalizzare l’offerta, soddisfare le nuove esigenze dei consumatori e fornire un’esperienza unica e coerente del brand attraverso touchpoint sempre più frammentati.

In uno scenario di dialogo tra web e fisico la chiave per affrontare il futuro dovrebbe tendere:

  • alla creazione di un ecosistema di canali di comunicazione e vendita in cui i retailer diventano i nuovi media che permettono di aiutare il cliente non solo nella fase di acquisto on Line, ma anche nell’esperienza in negozio, creando così una customer esperienze virtuale e fisica connessa;
  •   la riconversione dello spazio fisico in ottica phigital fatta di immediatezza, immersione, interazione e qualità della relazione;
  •   al miglioramento della catena di approvvigionamento (dagli imballaggi a partnership strategiche con vari attori della catena per affrontare in maniera più efficiente delivery e resi).

Secondo il recente report sui “costi nascosti dell’e-commerce” effettuato dalla società di consulenza Alvarez&Marsal realizzato in collaborazione con Retail Economics e condotta su sei Paesi europei, fra cui l’ITalia, emerge che i rivenditori digital only generalmente operano con margini notevolmente inferiori rispetto ai modelli di business multicanale e fisici; a ciò si devono aggiungere gli investimenti necessari ai retailer tradizionali per compiere lo shift verso il mercato digitale.

Nuove competenze,potenziamento dell’infrastruttura tecnologica e degli aspetti logistici (ricerca di partner tecnologici per soddisfare i bisogni del consumatore) sono tutte voci di costo importanti in questo contesto, a cui bisogna aggiungere le vere variabili capaci di influenzare maggiormente il futuro del settore: le spedizioni e soprattutto i resi. Questi ultimi rappresentano proprio la chiave di volta del settore, infatti i nuovi consumatori digitali e questo è particolarmente riferito ai giovani compratori, spesso nativi digitali, restituiscono la merce acquistata online con maggior facilità: basti pensare che quasi il 9%del totale delle spedizioni dell’e-commerce italiano torna indietro come reso, in UK questa percentuale sale all’11%.

(da: pixabay.com)

Italia: maggior crescita di Europa sul digitale

Sarà proprio l’Italia, secondo l’indagine Alvarez & Marsal, il Paese che più di tutti in Europa vedrà scendere nei prossimi anni la redditività nel settore retail con un saldo negativo di circa 4 miliardi di euro nei prossimi quattro anni.

“Una perdita di quasi un punto percentuale nel mercato del commercio al dettaglio, già storicamente provato da margini ridotti rispetto al resto d’Europa – sostiene Alberto Franzone, responsabile di Alvarez&Marsal Italia – è dovuto soprattutto all’accelerazione in termini di shift sul digitale che ha caratterizzato il nostro Paese dalla pandemia e che si prevede proseguirà a ritmi più sostenuti del resto d’Europa per i prossimi anni”.

I consumatori italiani: nessun ripensamento sull’online

“Non è un caso quindi che siano proprio i consumatori italiani quelli più propensi a considerare permanente la rivoluzione digitale che ha investito il mondo dei consumi domestici -afferma ancora Alberto Franzone- il 38,4%dei nostri connazionali, infatti, ha affermato di non voler tornare ad un modello di acquisto pre-pandemia del commercio. Sono soprattutto i nuovi consumatori, coloro i quali tendono a pensare che il cambiamento sarà irreversibile “.

L’acquisto online avviene con maggior facilità per alcuni settori merceologici quali gli elettrodomestici, gli oggetti elettronici, i casalinghi e l’abbigliamento, mentre i prodotti di lusso che richiedono un acquisto più ponderato, continuano a presidiare i canali tradizionali.

In ogni caso la via verso l’online del commercio sembra davvero spianata!!!

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

ANCHE IL FITNESS PUÒ ESSERE SOSTENIBILE

Fitness

RIMINIWELLNESS 2022 FORMA I PROFESSIONISTI DEL FITNESS

Fitness

SUONI E COLORI DI CÓRDOBA

Viaggi

ADOZIONI IN ITALIA: I BAMBINI DIFFICILMENTE COLLOCABILI

Terzo settore

STEFANIA: INNO ALLA PACE

Musica

EUROVISION: VINCONO GLI UCRAINI DELLA KALUSH ORCHESTRA

Musica

AGGIORNAMENTO DELLE GRADUATORIE PROVINCIALI SUPPLENZE

Scuola

FRANK ZAPPA CONTRO TUTTI

Musica

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter