Connect with us

Editoriale

I BAMBINI E LA DAD

Com’è andata con i bambini durante la fase più dura del lockdown?


La ricerca targata Unicef-Università Cattolica basata su 1028 questionari inviati ad altrettante famiglie, rivela che in Italia una su tre non è riuscita a sostenere adeguatamente l’apprendimento a distanza dei più piccoli.

Circa il 27% di queste ha riferito di non aver posseduto tecnologie adeguate durante il lockdown, mentre il 30% dei genitori ha riportato di non avere avuto tempo a sufficienza per sostenere i propri figli con la didattica a distanza. Il 6% dei bambini dello stesso campione non ha potuto partecipare alla didattica a distanza organizzata dalle scuole a causa di problemi di connettività o per la mancanza di dispositivi. 

Lo studio sottolinea l’importanza di avere accesso a una connessione Internet stabile e a buon mercato, così come a dispositivi digitali di alta qualità che supportino le videochiamate e le piattaforme educative digitali, affinché tutti i bambini possano beneficiare della didattica a distanza. 

Guarda adesso il video.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

75° FESTIVAL DI CANNES: VINCE ‘TRIANGLE OF SADNESS’

Cinema

I PAVONI, I MARCI E I VIRTUOSI DEL VOLONTARIATO

Volontariato

ANCHE IL FITNESS PUÒ ESSERE SOSTENIBILE

Fitness

RIMINIWELLNESS 2022 FORMA I PROFESSIONISTI DEL FITNESS

Fitness

SUONI E COLORI DI CÓRDOBA

Viaggi

ADOZIONI IN ITALIA: I BAMBINI DIFFICILMENTE COLLOCABILI

Terzo settore

STEFANIA: INNO ALLA PACE

Musica

EUROVISION: VINCONO GLI UCRAINI DELLA KALUSH ORCHESTRA

Musica

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter