Connect with us

Attualità

RIVOLUZIONE GENDER FLUID: LA FELICITÀ NON HA GENERE

Spesso si parla di gender fluid come di una piccola rivoluzione che dice basta a etichette e all’obbligo dei generi binari. E sempre più persone – specie i giovanissimi – decidono di esprimere liberamente la propria identità. Ma cos’è il gender fluid?

Lo abbiamo chiesto a Greta Riboli, Psicologo, Educatore Pedagogico.

“Gender fluid – spiega Riboli – è un’identità di genere, e il senso interno del genere esperito dalla persona nel caso del gender fluid è appunto fluido”. 

Chiarisce la definizione sottolineando che la ricercatrice Emma Matsuno riscontra nella fluidità di genere una fluttuante percezione di sé come donne o uomini nel tempo, o una percezione di compresenza di entrambi i generi. Nella categoria, inoltre, rientrano le identità agender, nogender e non-binary che non riconoscono il maschile e il femminile come categorie rappresentative.

(Dott.ssa Greta Riboli)

Facciamo chiarezza

Dunque libertà di essere e di non essere. Un concetto semplice, ma non del tutto chiaro in Italia dove si fa ancora tanta confusione. Spesso si confonde la fluidità di genere con la disforia di genere o la si ricollega alla sfera erotico-sessuale. 

Ma “fluidità di genere e disforia di genere – puntualizza Riboli – non vanno di pari passo. Con disforia di generes’intende il disagio derivante dall’incongruenza tra il genere esperito e il genere assegnato. In alcuni casi le persone con un’identità di genere fluida possono soffrire di disforia di genere, mentre in altri casi questa componente non è necessariamente presente. 

La fluidità di genere – prosegue – non riguarda per niente la sfera erotico-sessuale. Altro discorso va applicato all’orientamento sessuale fluido; una sotto componente dell’identità sessuale che si riferisce all’attrazione sessuale di una persona nei confronti di un’altra”.

I dati 

La confusione, però, non è l’unico problema. Ad oggi mancano dati utili a ricollegare gli italiani al ‘fenomeno’. E secondo la Riboli il monitoraggio è complicato perché non tutte le persone gender fluid soffrono di disforia di genere tanto da rivolgersi a centri specializzati. Ciononostante il tema sta iniziando a dilagare grazie anche ai personaggi influenti. 

Moda e artisti sempre più fluid

Il gender fluid è anche gioco della libertà che artisti e case di moda accolgono con piacere.

Grandi nomi come Louis Vouitton e Gucci hanno più volte proposto un mash-up maschile/femminile, ponendo le basi della genderless fashion. Del resto, da dove partire se non dall’abbigliamento che stereotipizza l’identità? 

Lo sanno bene Achille Lauro e i Måneskin che sul palco di Sanremo 2021 – così come nel privato – hanno detto no alle etichette giocando con tute, piume e trucco. Le critiche non mancano, ma loro ricordano ai fan di rifiutare le convenzioni ed essere sempre se stessi. 

E l’immagine fluida lanciata da artisti e social ha molta presa sui giovani, più abituati a pensare in termini di fluidità. 

Ma per evitare altri fraintendimenti è bene distinguere il ruolo di genere fluido dall’identità di genere fluida. A questo proposito, Riboli specifica che con ruolo di genere s’intendono l’insieme delle credenze culturali associate al maschile o al femminile. Il ruolo di genere fluido, quindi, indica il superamento di stereotipi imposti dalla società. L’identità di genere fluida, invece, riguarda la percezione del proprio genere come fluido. “Questa distinzione – afferma – sembra non essere presente ai più, i quali tendono a pensare che una persona la cui immagine sia “fluida” sia necessariamente gender fluid e viceversa”.

(Achille Lauro/sanremorai)   

Come saperne di più: FluIDsex

Greta Riboli è anche coordinatore di FluIDsex, un progetto studentesco della Sigmund Freud University Milano, nato nel 2016.  

Uno spazio all’interno del webjournal stateofmind.it che offre la possibilità di porre domande a esperti e di consultare articoli di approfondimento. 

Perché FluIDsex? Perché si affrontano i temi della sessualità e dell’affettività (sex) intesi anche come dimensioni che si esprimono a livello identitario (ID). Perché l’identità sessuale non è una proprietà data dalla nascita, ma un fluido (fluid) processo in continuo divenire.

Uno spazio aperto a tutti, perché chiedere e informarsi sono i primi passi verso la libertà di essere e la libertà di comprendere.  

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

DALLE BATTERIE USATE DEGLI SMARTPHONE SI RICAVANO SMALTI PER COLORARE LE PIASTRELLE

Ecosostenibilità

SEI UN VOLONTARIO? RACCONTA LA TUA STORIA DI AFFETTO CON I CANI

Volontariato

TREND DI MAGGIO DEGLI AFFITTI DI CASA IN ITALIA

Economia

VIA L’ESAME DI STATO PER LE PROFESSIONI SANITARIE

Attualità

INSETTI A TAVOLA, DISCO VERDE UE

Editoriale

BUONA FESTA DELLA MAMMA!

Antropologia

CRITERI E LIMITI DELLE ATTIVITÀ SECONDARIE PER GLI ENTI DEL TERZO SETTORE

Terzo settore

ARTSHARING PRESENTA LA MOSTRA DI VANZUK: “MORFOLOGIE MECCANICHE”

Arte

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter