Connect with us

Economia

Il Bahrein: una sfida verso una competitiva innovazione tecnologica

Curioso Paese, il Bahrein. Dalla traduzione del suo nome “regno dei mari” al suo volto metà musulmano e metà europeo questo piccolo Stato rappresenta oggi una sorpresa. Snodo delle principali rotte commerciali fra India e Mesopotamia in antichità. Conquistato dai Portoghesi, poi, dai Persiani, dal Sultanato dell’Oman, dagli Ottomani e infine protettorato britannico dal 1916 al 1971, il Bahrein è oggi un Regno che sta puntando su una magistrale innovazione tecnologica per posizionarsi in prima linea tra i Paesi del Golfo Persico.

Con oltre 1,5 milioni di abitanti, il Regno del Bahrein, con capitale Manama, è un minuscolo Stato insulare, il più piccolo della Penisola Arabica, formato da un arcipelago di trentatré isole nel cuore del Golfo Persico. 

Il Regno guidato dalla famiglia Khalifa è una Monarchia Costituzionale, la più tollerante dell’area, probabilmente grazie all’influenza occidentale cominciata nel ‘500 con la conquista portoghese e proseguita con il protettorato britannico. 

Ora il Bahrein guarda al futuro. E’ espressione di un’area geografica che tenta di imporsi come polo economico e finanziario senza tralasciare gli aspetti culturali e di svago.

Negli anni Settanta, il Bahrein era famoso nel mondo per la coltivazione di perle. Ora è conosciuto per le sue risorse petrolifere che coprono il 20% del PIL. Queste risorse sono, però, limitate rispetto a quelle dei giganti del greggio come Arabia Saudita e Kuwait ed è proprio per questo motivo che il Bahrein, oggi, è una Nazione che ha focalizzato il suo obiettivo diversificando la sua economia. Ha accolto i grandi della tecnologia e le prestigiose startup, arrivando ad occupare così il primo posto nell’area MENA, Medio Oriente e Nord Africa. 

(da: pixabay.com)

Essere diventati un punto di riferimento per le startup è motivo d’orgoglio e di prestigio per il Governo, desideroso di accompagnare il Bahrein verso un’economia di nuova generazione. L’Esecutivo si impegna a mantenere le tasse e l’Iva basse al fine di garantire le infrastrutture giuste per lo sviluppo del business. 

 Dal 1971, anno dell’indipendenza dai britannici, ingegneri, informatici, economisti e manodopera dall’estero, arrivati a Manama, hanno contribuito in maniera rilevante a costruire e a dare uno slancio  al futuro di questo Paese. Ci sono riusciti. Oggi il piccolo Regno è polo d’attrazione dei grandi player internazionali attirati in un Paese che ha fatto del suo passato e della sua diversità culturale il suo punto di forza.

L’ecosistema commerciale del Bahrein è stato progettato e messo in atto per avere successo, per vincere. Il piccolo Regno è riconosciuto tra i migliori Paesi dell’Area per la facilità di fare impresa. Un impegno svolto con determinazione che porta a lavorare costantemente per rivoluzionare l’industria, introdurre e revisionare le normative e lanciare nuove iniziative che migliorino ulteriormente lo status quo. La Banca Mondiale e le Nazioni Unite hanno riconosciuto il Bahrein come la quarta tra le economie più crescenti al mondo e l’esistenza delle migliori infrastrutture digitali tra i Paesi nell’Area del Golfo. Quindi il Paese è pronto a puntare su nuovi settori e diventare competitivo su scala internazionale.

(da: pixabay.com)

Il Bahrein è un Paese che vale la pena conoscere, ma soprattutto condividere. L’intero Regno è una zona franca, è la porta d’accesso al mercato della finanza islamica. I servizi finanziari crescono perché la tassazione è paradisiaca e ciò permette di detenere il 100% di proprietà straniera nella maggior parte dei settori. Dal 2002 l’arcipelago è sede dell’International Islamic Financial Market, l’organizzazione transnazionale che fissa le regole per far banca senza violare i valori della Sharia, codice di norme di diritto positivo.

Ora rimaniamo tutti vigili e osserviamo le future mosse! Sono certa che questo piccolo Stato saprà sorprenderci ancora e ottenere quel posto al sole condiviso e ambito anche da molti altri Paesi dell’Area.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

CHE MUSICA SONEREMO DOPO FRANCO CERRI?

Musica

“IL MIGLIORE. MARCO PANTANI”: DAL 18 AL 20 OTTOBRE USCITA EVENTO AL CINEMA.

Cinema

KETTLEBELL: COS’È E A COSA SERVE

Fitness

MATRIMONI: LA NUOVA TENDENZA E’ IL “BALLO DEGLI SPOSI”

Attualità

IL FOLLE CHE VOLEVA ESSERE SE STESSO

Medicina

LA LEGGENDA DI CHARLES MINGUS IN UN GRAPHIC NOVEL

Musica

DEPRESSIONE, POTENTE MA NON INVINCIBILE

Medicina

TORNA A MODENA IL FESTIVAL DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

Ecosostenibilità

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter