Connect with us

Medicina

GLI EFFETTI DELLE RADIAZIONI NUCLEARI SULLA SALUTE

La guerra e lo spettro del nucleare, ancora una volta in Ucraina, dopo il disastro di Chernobyl.

Con il termine radiazione, in fisica si indica un fenomeno di emissione e propagazione di energia secondo raggi che costituiscono il percorso di particelle o la direzione di onde. Essa è ionizzante quando l’energia trasportata riesce a rompere i legami chimici e a strappare elettroni.

Il nucleare è quindi in grado di modificare anche profondamente la struttura molecolare dei tessuti biologici e del materiale genetico, ma in che modo? Come la radioattività influisce sul corpo umano? In questo articolo proveremo a descriverlo in breve, focalizzandoci soprattutto sulle conseguenze a breve e a lungo termine.

Essa può colpire subito un qualsiasi atomo dei tessuti dell’organismo e dalla reazione reciproca tra atomi  possono nascere nuove molecole come i radicali liberi. Si ha dunque un alterazione della riproduzione del funzionamento delle cellule ma la velocità con cui ciò avviene e gli effetti dipendono da quanto tessuto è stato coinvolto e anche dal tipo di radiazione.

 E poi c’è il codice genetico e il rischio per i cromosomi e per il DNA. Ecco alcune possibili organi coinvolti:

Midollo osseo: a rischio le cellule che producono globuli bianchi e rossi e piastrine. Possono insorgere anemie, emorragie, infezioni e leucemie;

Gravidanza: il feto alle prime settimane può rischiare di sviluppare riduzioni di misure (cranio e altezza) e ritardi mentali;

Apparato riproduttivo e apparato dirigente con rischio infertilità, cancro allo stomaco, nausee e ulcere;

Rischi agli occhi e alla tiroide;

(da: pixabay.com)

Nel caso di grandi catastrofi, dove viene liberata una quantità ingente di radiazioni ionizzanti in un lasso di tempo ridotto, i rischi sono sicuramente maggiori così come nei tessuti dove le cellule si dividono più rapidamente quali midollo osseo e apparato digerente.

Le malattie si manifestano poi in una triplice fase con un primo step di sintomi generici quali febbre, nausea e mal di testa, un secondo di apparente regressione (piuttosto subdola) e una terza acuta.

Ma le radiazioni vengono anche utilizzate per curare alcune malattie come il cancro, anche se la radioterapia può presentare sempre effetti collaterali e secondari.

Dunque non si può sicuramente scherzare col nucleare, basti guardare le immagini degli ucraini colpiti dall’esplosione della centrale, dei bambini nati nell’immediatezza e di quelli nati anni dopo, delle malformazioni impressionanti, a volte anche difficili da spiegare.

Ed è proprio questo il punto: non su tutto si è concordi e non è facile quantificare e qualificare gli effetti, soprattutto a lungo termine, dell’esposizione alle radiazioni.

Si pensa che anche il cervello possa risentirne colpito da un invecchiamento precoce caratterizzato da perdita della memoria e difficoltà di concentrazione, ma anche cambiamento della personalità, difficoltà di tenere una corretta postura e difficoltà nel deambulare.
Aumentano inoltre le probabilità di sviluppare il cancro.

L’essere umano e il nucleare, un binomio che fa paura, “maneggiare con cura”, per la salute di tutti.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

LO SVILUPPO DELLA CREATIVITA’ ATTRAVERSO IL GIOCO

Cultura

LAVORI DI….”MONTAGNA”

Ecosostenibilità

LE RADICI ANTICHE DELLA VIOLENZA SULLE DONNE

Attualità

20 NOVEMBRE: GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI PER L’INFANZIA

Cultura

MONDIALI DI CALCIO IN QATAR AL VIA

Sport

ABBANDONO SCOLASTICO E COMPORTAMENTI A RISCHIO

Scuola

ADOLESCENZA E LIMITI: POTERE TUTTO E’ POTERE NIENTE

Millennial

DIGITALE TERRESTRE: NOVITA’ A FINE ANNO

Attualità

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter