Connect with us

Libri

Libri senza parole: cosa sono e come si leggono

I libri senza parole possono aiutare a creare dei nuovi lettori in una società dove l’informazione passa solo attraverso anonimi schermi. Ma cosa sono di preciso i Silent Book? Come si leggono?

Abbiamo già detto che si tratta di libri privi di parole e corredati di immagini. Tra i termini usati per delineare questa particolare categoria abbiamo anche: Wordless Book, Silent Narratives e Wordless Picturebook. Ciò farebbe pensare a presunte origini inglesi o americane, ma non è così.

I primi successi dei romanzi senza parole si rintracciano negli anni Trenta. Il pioniere fu Frans Masereel (1889-1971), artista belga e genio della xilografia, noto al pubblico per aver illustrato opere di Wilde, Hugo e Tolstoj. Il suo famoso Mon Livre d’heuresrisale al 1919. 

Masereel aprì la strada ad altri artisti come l’americano Lynd Ward Kendall (1905-1985) che firmò Vertigo (1937) e l’italoamericanoGiacomo Patri autore di White Collar (1940). 

In Italia, il genere si diffuse grazie a Il palloncino rosso (1967) dell’artista Iela Mari (1931-2014). 

(Da Pixabay: foto di Mystic Art Design)
 

Le storie disegnate non hanno delle vere e proprie regole di lettura. Conta dare sfogo alla fantasia e allo spirito di osservazione. Tuttavia possiamo elencare delle linee guida:

1) Osservare con calma.

2) Soffermarsi qualche minuto sui particolari per scoprire nuovi significati.

3) Osservare di nuovo tutto e concentrarsi sulla trama.

Il lettore può dare un’interpretazione personale. Lo scopo è suscitare curiosità e condivisione, si può leggere da soli o in gruppo per confrontare le chiavi di lettura. L’immagine, inoltre, rende i testi universali, abbattendo le barriere linguistiche. Si tratta di un grande strumento adatto a tutti i tipi di lettori capace di crearne di nuovi. Urge, quindi, un possibile utilizzo digitale per i giovani.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

Il Bahrein: una sfida verso una competitiva innovazione tecnologica

Economia

“La musica unisce la scuola”per superare l’emergenza Coronavirus

Scuola

Il mondo sommerso della musica, prima, durante e dopo il coronavirus Parte II

Musica

Fase 2: prime aperture e curva in calo

Attualità

Libri e social: intervista alla blogger culturale Giulia Ciarapica

Social Network

“Italiani nel mondo: coronavirus e lockdown”

Estero

Stretching: cos’è, come e quando praticarlo

Fitness

L’acqua in quarantena

Medicina

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter