Connect with us

Medicina

CREME SOLARI AL BANDO: PERICOLOSE PER LE ACQUE E PER GLI ORGANISMI MARINI

A vietarne l’uso la Repubblica di Palau, seguita da Hawaii, Florida e altri. E l’Italia corre ai ripari con prodotti eco-friendly.

Foto/Freepik

Quella del 2021 non è solo l’estate della ripartenza, ma anche delle riflessioni e delle scelte ponderate. Vecchi vasi ricolmi di problemi ancora troppo urgenti tornano a essere scoperchiati e in questo ultimo periodo si pone nuovamente l’accento sul tema dell’inquinamento marino. Oceani e mari sono costantemente minacciati dall’uomo, spesso anche in maniera inconsapevole; secondo numerose ricerche, infatti, le creme solari – utili a proteggere la pelle dai raggi UV – hanno effetti disastrosi sulla salute delle acque e su quella dei suoi abitanti.

Qualche esempio? Sostanze come parabeni, oxybenzone e omolosato, presenti nei comuni filtri, danneggiano lo sviluppo di organismi marini e provocano lo sbiancamento dei coralli. Già qualche anno fa, la rivista Environmental Science & Technology pubblicava gli sconfortanti risultati di uno studio incentrato sul rilascio di metalli tossici in acqua causato dalle creme protettive. E questi sono solo alcuni degli effetti negativi registrati dagli esperti.

Foto/Freepik

Nel gennaio del 2020, la Repubblica di Palau – stato insulare della Micronesia – ha deciso di salvaguardare la grande varietà di barriere coralline presenti nelle sue acque, vietando la vendita e l’utilizzo di filtri solari inquinanti.

L’iniziativa green di Palau, portata avanti con determinazione dall’ex presidente Tommy Remengesau, è stata apprezzata anche da altre realtà. E così, nei primi mesi di questo 2021, anche Messico, Hawaii, Florida e l’isola di Bonaire, hanno detto basta alle protezioni nemiche dell’ambiente.

Ma se da una parte cresce il senso di responsabilità nei confronti dell’ecosistema marino, dall’altra confusione e polemiche scaldano gli animi di chi pensa anche alla tutela della propria pelle.

È doveroso precisare, quindi, che il divieto non si estende a tutte le creme solari, bensì a quelle che presentano un’alta concentrazione di sostanze nocive. L’impiego di prodotti utili a respingere i rischi legati all’esposizione ai raggi solari è ancora altamente consigliato.

A questo proposito, l’Italia, sempre sensibile alle tematiche green, si dice pronta a soddisfare le esigenze ambientali e quelle dei consumatori introducendo sul mercato protezioni eco-friendly. Un progetto incoraggiante, ma non impeccabile e su questo punto gli studiosi parlano chiaro: testare gli effetti dei prodotti – e delle loro sostanze – sostenibili richiede tempo e tanta pazienza. Per il compromesso ‘miracoloso’ bisogna aspettare ancora un po’, intanto si consiglia di munirsi (sempre) di buonsenso.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Successivo:

SALE E SALUTE

Post di tendenza

CHE MUSICA SONEREMO DOPO FRANCO CERRI?

Musica

“IL MIGLIORE. MARCO PANTANI”: DAL 18 AL 20 OTTOBRE USCITA EVENTO AL CINEMA.

Cinema

KETTLEBELL: COS’È E A COSA SERVE

Fitness

MATRIMONI: LA NUOVA TENDENZA E’ IL “BALLO DEGLI SPOSI”

Attualità

IL FOLLE CHE VOLEVA ESSERE SE STESSO

Medicina

LA LEGGENDA DI CHARLES MINGUS IN UN GRAPHIC NOVEL

Musica

DEPRESSIONE, POTENTE MA NON INVINCIBILE

Medicina

TORNA A MODENA IL FESTIVAL DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

Ecosostenibilità

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter