Connect with us

Medicina

CREME SOLARI AL BANDO: PERICOLOSE PER LE ACQUE E PER GLI ORGANISMI MARINI

A vietarne l’uso la Repubblica di Palau, seguita da Hawaii, Florida e altri. E l’Italia corre ai ripari con prodotti eco-friendly.

Foto/Freepik

Quella del 2021 non è solo l’estate della ripartenza, ma anche delle riflessioni e delle scelte ponderate. Vecchi vasi ricolmi di problemi ancora troppo urgenti tornano a essere scoperchiati e in questo ultimo periodo si pone nuovamente l’accento sul tema dell’inquinamento marino. Oceani e mari sono costantemente minacciati dall’uomo, spesso anche in maniera inconsapevole; secondo numerose ricerche, infatti, le creme solari – utili a proteggere la pelle dai raggi UV – hanno effetti disastrosi sulla salute delle acque e su quella dei suoi abitanti.

Qualche esempio? Sostanze come parabeni, oxybenzone e omolosato, presenti nei comuni filtri, danneggiano lo sviluppo di organismi marini e provocano lo sbiancamento dei coralli. Già qualche anno fa, la rivista Environmental Science & Technology pubblicava gli sconfortanti risultati di uno studio incentrato sul rilascio di metalli tossici in acqua causato dalle creme protettive. E questi sono solo alcuni degli effetti negativi registrati dagli esperti.

Foto/Freepik

Nel gennaio del 2020, la Repubblica di Palau – stato insulare della Micronesia – ha deciso di salvaguardare la grande varietà di barriere coralline presenti nelle sue acque, vietando la vendita e l’utilizzo di filtri solari inquinanti.

L’iniziativa green di Palau, portata avanti con determinazione dall’ex presidente Tommy Remengesau, è stata apprezzata anche da altre realtà. E così, nei primi mesi di questo 2021, anche Messico, Hawaii, Florida e l’isola di Bonaire, hanno detto basta alle protezioni nemiche dell’ambiente.

Ma se da una parte cresce il senso di responsabilità nei confronti dell’ecosistema marino, dall’altra confusione e polemiche scaldano gli animi di chi pensa anche alla tutela della propria pelle.

È doveroso precisare, quindi, che il divieto non si estende a tutte le creme solari, bensì a quelle che presentano un’alta concentrazione di sostanze nocive. L’impiego di prodotti utili a respingere i rischi legati all’esposizione ai raggi solari è ancora altamente consigliato.

A questo proposito, l’Italia, sempre sensibile alle tematiche green, si dice pronta a soddisfare le esigenze ambientali e quelle dei consumatori introducendo sul mercato protezioni eco-friendly. Un progetto incoraggiante, ma non impeccabile e su questo punto gli studiosi parlano chiaro: testare gli effetti dei prodotti – e delle loro sostanze – sostenibili richiede tempo e tanta pazienza. Per il compromesso ‘miracoloso’ bisogna aspettare ancora un po’, intanto si consiglia di munirsi (sempre) di buonsenso.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Successivo:

SALE E SALUTE

Post di tendenza

SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO: IL RITORNO DEGLI SCRITTI ALLA MATURITA’

Scuola

SALE E SALUTE

Medicina

MATRIMONIO ESTIVO: IL MAKEUP DELLA SPOSA:

Estetica

Basteranno gli Investimenti di Bankitalia per raggiungere gli obiettivi Green europei?

Economia

LA VITA: ISTRUZIONI PER L’USO. ECCO I NOSTRI LABORATORI DI GIORNALISMO

Lab giornalismo

JULIA DUCOURNAU E’ LA REGINA DI CANNES

Cinema

INTELLIGENZA ARTIFICIALE E GIORNALISMO: COME CAMBIA L’INFORMAZIONE

Attualità

SVILUPPO SOSTENIBILE: IL DECRETO SEMPLIFICAZIONE 2021

Ecosostenibilità

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter