Connect with us

Medicina

RU486: LA PILLOLA ABORTIVA DIVIDE ANCORA L’ITALIA

Se il tema dell’aborto ha sempre diviso un Paese fortemente ispirato dalla dottrina cattolica, la scelta delle sue modalità crea profonde spaccature anche tra i favorevoli.
Si riaccendono le luci sulla somministrazione della pillola abortiva RU486 che alimenta dibattiti e polemiche tra le regioni italiane.

La RU486 in Italia 

Era il 2009 e il Mifegyne, l’antiprogestinico a base di mifepristone, meglio noto come RU486, arrivava anche sul mercato italiano.

Anni di sperimenti e di battaglie portate avanti da Silvio Viale, ginecologo e membro del Comitato Nazionale Radicale, avevano prodotto dei risultati, facendo esultare i Radicali Italiani: la donna italiana poteva, finalmente, avere accesso all’interruzione farmacologica della gravidanza.

Una conquista non di poco conto considerando che, a differenza dei metodi tradizionali, l’aborto farmacologico non prevede intervento chirurgico, anestesia e rischi legati a operazioni. 

L’Italia, come molti altri stati dell’Unione Europea, abbracciava così gli sviluppi della scienza medica; un abbraccio, però, pieno di riserve e di dubbi ingigantiti nel corso degli anni. Se già dalla sua commercializzazione la RU486 ha suscitato entusiasmi e polemiche, soprattutto di carattere morale, nei mesi scorsi il farmaco ha di nuovo smosso le acque dopo l’aggiornamento delle linee guida sulla sua somministrazione a firma del Ministro della salute Roberto Speranza.

Aggiornamento linee guida

Nell’agosto del 2020, il Consiglio Superiore di Sanità e l’AIFA, in linea con le indicazioni approvate a livello europeo, comunicano la regolamentazione della somministrazione del farmaco e l’eliminazione delle limitazioni introdotte nel 2009. Questo si traduce con l’assunzione del farmaco seguito dalla prostaglandina; con la possibilità di somministrazione fino al 63° giorno di età gestazionale, abbattendo il precedente limite del 49° giorno, e con l’eliminazione dell’obbligo del ricovero ordinario (di almeno 3 giorni) dal momento dell’assunzione del farmaco fino alla verifica dell’espulsione del prodotto del concepimento. 
La somministrazione è possibile presso strutture ambulatoriali pubbliche attrezzate, funzionalmente collegate all’ospedale e autorizzate dalla Regione, nonché consultori; oppure mediante ricovero a ciclo diurno, ovvero il day hospital. La donna, successivamente, deve sottoporsi a ulteriori controlli.

(Dal profilo ufficiale Facebook del ministro Speranza)

Le regioni in rivolta

“Un passo avanti importante nel pieno rispetto della 194 che è e resta una legge di civiltà del nostro Paese”. Mentre sui social il ministro Speranza presentava così l’obiettivo raggiunto, l’Italia si sgretolava in regioni favorevoli e contrari. 

LombardiaToscanaEmilia-Romagna e Lazio si adeguano di buon grado agli aggiornamenti; altre gridano allo scandalo, appellandosi al rispetto della legge 194 del 1978 (che disciplina le modalità di accesso dell’aborto e riconosce l’obiezione di coscienza) e al rispetto delle limitazioni introdotte dall’AIFA nel 2009. Come si può ancora leggere nel sito ufficiale, l’Agenzia Italiana del Farmaco precisava:

[…] Sono state disposte restrizioni importanti all’utilizzo del farmaco, al solo fine della massima tutela della salute del cittadino, compito primario dell’Agenzia. […] Condividendo le preoccupazioni di carattere etico che anche questo metodo di interruzione volontaria della gravidanza comporta, la Determina (nr. 1460 del 24 novembre 2009, ndr) rimanda a Stato e Regioni le disposizioni per il corretto percorso di utilizzo clinico del farmaco all’interno del servizio ospedaliero pubblico.

Proprio sul rimando alle regioni, i diversi governatori continuano a fare leva per convalidare l’aborto farmacologico dietro ricovero ospedaliero con lo scopo di non lasciare sola la donna in un momento molto delicato. Ad alzare il polverone lo scorso giungo è stata la governatrice leghista dell’Umbria Donatella Tesei che, abrogata una precedente legge regionale, riconfermava il ricovero obbligatorio, rendendo urgente il confronto tra il Ministro Speranza e il CSS per le nuove linee guida nazionali. E se molte altre realtà italiane tacciono, il Piemonte e le Marche seguono determinati l’esempio della Tesei, scatenando malumori e proteste.

(Foto: Donatella Tesei: dal profilo ufficiale Facebook)

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

EUROVISION 2022: TORINO PRONTA AD ACCOGLIERE IL SONG CONTEST

Musica

COME IL COVID-19 HA PEGGIORATO LE DIPENDENZE: LO SHOPPING COMPULSIVO

Terzo settore

CHE MUSICA SUONEREMO DOPO FRANCO CERRI?

Musica

“IL MIGLIORE. MARCO PANTANI”: DAL 18 AL 20 OTTOBRE USCITA EVENTO AL CINEMA.

Cinema

KETTLEBELL: COS’È E A COSA SERVE

Fitness

MATRIMONI: LA NUOVA TENDENZA E’ IL “BALLO DEGLI SPOSI”

Attualità

IL FOLLE CHE VOLEVA ESSERE SE STESSO

Medicina

LA LEGGENDA DI CHARLES MINGUS IN UN GRAPHIC NOVEL

Musica

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter