Connect with us

Cultura

Incontro con Liliana Segre

Quando si parla di memoria, di libertà, di odio, si corre sempre il rischio di non suscitare altro che indifferenza: si tratta infatti di argomenti affrontati molto spesso, ed è facile che la curiosità sia sovrastata dal dubbio di avere già sentito tutto ciò che si possa dire.

di Michele Casella

Eppure, nel suo intervento del 3 febbraio 2020 al Teatro Fraschini di Pavia, Liliana Segre è riuscita a mantenere gli sguardi di centinaia di studenti fissi su di sé. Credo che sia riuscita in questo perché la sua non è stata una lezione o una conferenza, ma il racconto di una nonna ai suoi “nipoti ideali”, espressione con cui ella stessa si è rivolta ai ragazzi. Le sofferenze causate dalla Shoah sono indicibili, come ha affermato la senatrice, ma per poterle conoscere almeno in parte è necessario vederle attraverso gli occhi di chi le ha vissute. Liliana Segre non racconta di tutti i deportati, né di tutto il campo di Auschwitz, ma solamente di se stessa: per questa ragione il dramma di milioni di uomini diventa improvvisamente un dramma personale, che colpisce assai più profondamente chi lo ascolta. La senatrice non ha voluto rivolgersi a un teatro, ma a ciascuna persona che vi sedeva: “Cerco di guardare ognuno di voi negli occhi” ha infatti affermato.

Narrando di essere stata espulsa da scuola perché ebrea, Liliana Segre ricorda di non aver saputo chiedere altro che “perché?”. Da parte mia (ma credo anche degli alunni dell’Istituto Taramelli-Foscolo e delle altre scuole presenti), penso che rimanga da dirle solo “grazie” per tutto ciò che ha scelto di raccontarci, nonostante il dolore che questo le provoca.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

IL SONNO E I CONSIGLI PER DORMIRE MEGLIO

Medicina

ROBOIT, IL PRIMO POLO NAZIONALE PER IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO DELLA ROBOTICA SORGERÀ A GENOVA

Millennial

DON’T LOOK UP: LA REAZIONE PSICOLOGICA DI FRONTE ALL’EMERGENZA

Cultura

DAL 14 GENNAIO 2022 STOP ALLA PLASTICA MONOUSO

Ecosostenibilità

COVID, CINQUE REGIONI A RISCHIO PASSAGGIO IN ZONA ARANCIONE: IPOTESI DAD NELLE SCUOLE

Scuola

SOLITUDINE E CREATIVITA’: ANCHE LA MENTE HA BISOGNO DI SILENZIO!

Attualità

DRAGHI: “LA SCUOLA VA PROTETTA, LA DAD CREA DISEGUAGLIANZE”

Politica

I CIRCUITI DEL TEMPO DI DI SCIPIO E UNA RIVOLUZIONE MUSICALE MAI CONCLUSA

Musica

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter