Connect with us

Cultura

GIORNO DELLA MEMORIA: COSA ACCADDE IL 27 GENNAIO 1945 E COSA SUCCEDE OGGI

“Quel che è accaduto non può essere cancellato, ma si può impedire che accada di nuovo”. Nelle parole di Anna Frank è racchiuso il senso del Giorno della Memoria, ricorrenza che si celebra ogni anno, il 27 gennaio.

Una data fortemente simbolica, scelta per commemorare i milioni di vittime della Shoah, ma non solo. Scelta dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per la “Giornata internazionale di commemorazione in memoria delle vittime della Shoah”, istituita il 1° novembre 2005. 

76 anni fa, il 27 gennaio 1945, le truppe sovietiche dell’Armata Rossa abbattevano i cancelli di Auschwitz. E rivelavano al mondo, per la prima volta, la realtà del genocidio in tutto il suo orrore.

Le truppe sovietiche vi trovarono circa 7.000 sopravvissuti, insieme a corpi morti, abiti, scarpe, strumenti di tortura e di morte. Furono uccisi almeno un milione di prigionieri: uomini, donne e bambini. Quasi tutti ebrei. Ma anche polacchi, Rom, Sinti, prigionieri di guerra sovietici, testimoni di Geova e altri nemici della Germania di Hitler.

Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre”, descrive Primo Levi.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

I PRODOTTI ELETTRICI ED ELETTRONICI AVRANNO DIRITTO A UNA SECONDA VITA

Ecosostenibilità

PUBBLICATE LE ORDINANZE SUGLI ESAMI DI STATO

Scuola

SESTA ESTINZIONE DI MASSA NELLA STORIA DELLA TERRA

Ecosostenibilità

MENTRE IL MONDO DELLA SCUOLA ASPETTA, IL VIRUS DILAGA TRA I GIOVANISSIMI

Editoriale

PRIMO DPCM DRAGHI: LA CONFERENZA STAMPA

Politica

IL GENENERALE FRANCESCO PAOLO FIGLIUOLO E’ IL NUOVO COMMISSARIO PER L’EMERGENZA COVID-19

Attualità

ANNO DECISIVO PER AFFRONTARE L’EMERGENZA GLOBALE

Ecosostenibilità

TENDENZE FITNESS 2021: VIRTUAL ONLINE TRAINING

Fitness

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter