Connect with us

Sport

“Grazie alla pelota”

“E’ lo sport che mi ha dato più allegria, più libertà, come toccare il cielo con la mano. Grazie alla Pelota”.
Questo è quello che Maradona aveva detto che si scrivesse sulla sua lapide.

Lumini votivi accesi, cori dei tifosi e manifesti a lutto nei quartieri spagnoli di Napoli dopo la notizia della morte del soprannominato “El Pibe de Oro”. E’ scomparso un fuoriclasse. La sua figura è diventata quasi oggetto di devozione, tanto che non mancano nel centro storico di Napoli altarini e murales per omaggiare il grande campione. Diego Armando Maradona giocò con i partenopei da 1984 al 1991, durante il quale il Napoli vinse due volte il campionato, una coppa Uefa, una coppa Italia e una Supercoppa. Maradona, un genio che ha di gran lunga superato la sregolatezza con cui ha vissuto, quella stessa sregolatezza che gli ha permesso di cadere e rialzarsi ripetutamente. Trasformato da tempo a Napoli e in Argentina in un “Dio”, davanti al suo altare ora si inginocchia tutto il mondo calcistico.

(Maradona, goal del Napoli, 1987 – 1988 da: wikipedia.org)

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

GIORNATA MONDIALE DELLA VOCE, UN ADULTO SU 5 PRESENTA DISTURBI ALLE CORDE VOCALI: PER SALVAGUARDARLE SCENDE IN CAMPO L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Medicina

L’AUMENTO DEL DISAGIO TRA I GIOVANI: UNA NUOVA EMERGENZA

Cronaca

ARTE: A ROMA I PECCATI CAPITALI DI ILARIA REZZI NELLA MOSTRA “PECCATI BLU”

Arte

E-PORTFOLIO – TUTOR: QUALE RUOLO PER LA MATURITA’?

Scuola

NASCE A MILANO IL PRIMO ALL YOU CAN EAT DI SCIATT E PIZZOCCHERI BIANCHI

Food & wine

TORNA L’ORA LEGALE

Attualità

PASQUA: SIGNIFICATO CULTURALE E RELIGIOSO                                                     

Attualità

I VIDEOGIOCHI D’AZIONE RISOLVONO IL DISTURBO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI A RISCHIO DI DISLESSIA

Scuola

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter