Connect with us

Sport

MONDIALI DI CALCIO IN QATAR AL VIA

Dal 20 novembre al 18 dicembre saranno 64 le partite trasmesse dai canali Rai Qatar Una competizione con ben 32 squadre provenienti da tutti i continenti. Un mondiale funestato da scandali, polemiche e divieti.

DOHA, QATAR - MARCH 31: In this photo illustration an official FIFA World Cup Qatar 2022 ball sits on display in front of the skyline of Doha ahead of the FIFA World Cup Qatar 2022 draw on March 31, 2022 in Doha, Qatar. (Photo by David Ramos/Getty Images)

Con la sfida tra i padroni di casa del Qatar e l’Ecuador prendono il via domenica 20 novembre (ore 17 italiane) allo stadio Al Bayt di Doha i Mondiali di calcio 2022. La gara di apertura sarà  preceduta da una cerimonia inaugurale di grande impatto mediatico  in programma alle 15.

Sarà una sbornia di partite: ben 64 partite trasmesse dai canali Rai 32 le squadre che si contenderanno la coppa del mondo provenienti da tutti i continenti. L’Europa porterà 13 nazionali: Germania, Francia, Danimarca, Belgio, Croazia, Serbia, Spagna, Inghilterra, Svizzera, Olanda, Portogallo, Polonia, Galles.

La finale si disputerà domenica 18 dicembre alle 16:00 allo stadio ‘Losail’, mentre il ‘Khalifa International Stadium’ ospiterà lo spareggio per il terzo posto il 17 dicembre.

Una competizione carica di primati, aspettative e record ma anche grondante di tante polemiche. Primo Mondiale che si disputa nella stagione invernale. Primo che si disputa in Medio Oriente.  Ma anche ultimo  mondiale a 32 squadre. Sarà anche il secondo di fila senza l’Italia (4 volte campione del Mondo), per la delusione di chi avrebbe voluto la nostra nazionale competere con le grandi. Rimarrà la speranza di esserci ai mondiali del 2026. Che  si giocheranno  tra Usa, Canada e Messico e si passerà a 48 partecipanti. L’Italia avrà quindi più chance si esserci. Sarà l’unico, probabilmente, senza birra all’interno degli 8 nuovissimi stadi climatizzati che ospiteranno le 64 partite previste (con grande competizione tra sponsor, Fifa e paese organizzatore). 

Chi vincerà la Coppa del Mondo.

La coppa del mondo nell’ ultima edizione è stata vinta dalla Francia, Ma secondo i bookmaker sarebbe destinata a lasciare il Vecchio Continente per tornare in Sud America. La favorita è il Brasile di Neymar, Vinicius e Gabriel Jesus. A contendergli il primato c’è l’Argentina di Messi, Di Maria e Lautaro Martinez. A seguire la Spagna, la Francia , la Germania. Ma occhio al Belgio o qualche outsider che come nel passapto può sorprendere tutti. Il Brasile domina l’albo d’oro con 5 vittorie ai Mondiali. Subito dietro si piazzano Italia e Germania con 4 affermazioni ciascuno

La nazionale più forte del mondo

Nell’’ultima classifica pubblicata dalla Fifa del 6 ottobre scorso le prime tre posizioni sono occupate dal Brasile, Belgio e Argentina.. L’Italia è sesta in graduatoria ma tra le prime 10 è l’unica che non partecipa.

I campioni che illumineranno la scena                                                                                 

Sono tanti. Tra loro spicca Kylian Mbappé,  campione del mondo in carica e giovanissimo ha soli 23 anni avrà ,modo di farsi valere con le sue grandi qualità di velocista dal tiro potente. Come farsi perdonare per il rigore fallito che è costato alla sua Francia l’eliminazione dagli ultimi Europei del 2021. Un altro giocatore che potrà far incantare per le sue capacità dio palleggio è  Neymar, 30 anni, l’uomo simbolo del Brasile, dato per favorito dai bookmakers per la vittoria finale. Riflettori puntati anche su Leo Messi e Cristiano Ronaldo alla loro quinta partecipazione a una coppa del mondo. Sarà una lotta all’ultimo sangue il duello a distanza tra i due campioni ormai prossimi al ritiro dalle scene calcistiche per conquistare l’unico grande trofeo che manca alle loro splendide carriere. E infine Kevin De Bruyne, 31 anni, il giocatore che può fare la differenza per far vincere i mondiali al suo Belgio.

Dove vedere le partite

Si potranno seguire le partite in chiaro su Rai Uno, Rai Due, Rai Sport HD, RaiPlay (anche in diretta streaming) e su Rai 4K per i possessori di parabola e decoder satellitare.

Un mondiale ad alta tecnologia

Sarà un mondiale “spettacolare” dal punto di vista della visione ad alta definizione. Uno spettacolo di prim’ordine, con una qualità d’immagine delle reti Rai mai vista prima. Il servizio pubblico, infatti, trasmetterà in esclusiva tutte le partite: 37 su Raiuno, 19 su Raidue e otto su Rai Sport HD. Ogni partita sarà ripresa da 34 telecamere, mentre altri 12 strumenti di ripresa, automatizzati, saranno a disposizione dei direttori di gara in sala Var.  56 gare saranno trasmesse anche in altissima definizione su Rai4K, canale del servizio pubblico visibile al 210 di tivùsat, dove è stato largamente collaudato dalla piattaforma satellitare gratuita che lo ospita dal giugno del 2016. Ma in via sperimentale, con quella che in Viale Mazzini hanno ribattezzato “tv ibrida”, Rai4K per l’occasione sarà visibile anche al canale 101 del digitale terrestre. Sarà necessario dotarsi di una smart tv di ultima generazione 4K con l’hbbtv2.0 attivo. L’apparecchio collegato all’antenna e a internet  dovrà avere una connessione da almeno 15 megabit al secondo

Un mondiale tra scandali, polemiche e divieti

Lo è fin da quando il Qatar è stato scelto quale paese organizzatore e lo continuerà ad essere un mondiale  tanto discusso  e  pieno di tante contraddizioni.  Corruzione, assenza dei diritti delle donne, di libertà di espressione, del lavoro. Nessun riconoscimento di diritti civili e delle comunità LGBT

Un mondiale che a seguito dell’ assegnazione al Qatar a discapito dell’America portò a scoprire metodi di corruzione tra i dirigenti di allora.

Tantissime le critiche dovute allo sfruttamento e alle morti sul lavoroper la costruzione degli Stadi e delle altre strutture per i Mondiali.

Poco tempo fa il coming out del capo dei media della Fifa: “Sono gay e sono qui in Qatar” ha sorpreso tutti ma soprattutto gli abitanti di un paese dove la condizione dei lgbt non è ammissibile ed è considerata una malattia.

Sarà un mondiale senza alcool: Stop alla birra. Tante le cose che non saranno consentite in Qatar, ma che probabilmente saranno fatte ugualmente. Le squadre di calcio, ad esempio, hanno già annunciato di voler sfidare alcune delle regole imposte, come l’esposizione della bandiera arcobaleno per i diritti civili.

.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

LO SVILUPPO DELLA CREATIVITA’ ATTRAVERSO IL GIOCO

Cultura

LAVORI DI….”MONTAGNA”

Ecosostenibilità

LE RADICI ANTICHE DELLA VIOLENZA SULLE DONNE

Attualità

20 NOVEMBRE: GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI PER L’INFANZIA

Cultura

ABBANDONO SCOLASTICO E COMPORTAMENTI A RISCHIO

Scuola

ADOLESCENZA E LIMITI: POTERE TUTTO E’ POTERE NIENTE

Millennial

DIGITALE TERRESTRE: NOVITA’ A FINE ANNO

Attualità

APPROVATO IL DECRETO AIUTI QUATER

Politica

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter