Connect with us

Sport

PAVIA CAPITALE DEL CICLISMO PER UN GIORNO

Sabato 16 marzo con partenza da Pavia è in programma la Milano – Sanremo, una Classica iconica del ciclismo mondiale giunta alla 115^ edizione.
di Tiziana Bosio

Foto di Jo Wiggijo da Pixabay

Il sindaco Fracassi e l’assessore Trivi, hanno fortemente voluto la partenza dalla città di Pavia della Milano-Sanremo. “Pavia, città di millenaria tradizione storica e culturale, per un giorno diventerà così la capitale italiana e internazionale del grande ciclismo e potrà offrire agli ospiti italiani e stranieri presenti, oltre che a tutti gli appassionati che seguiranno la corsa in diretta televisiva, la ricchezza del proprio patrimonio storico, artistico e monumentale. Sono sicuro, continua il Sindaco, che la Milano – Sanremo regalerà a tutti noi il solito grande spettacolo e per Pavia sarà una vetrina eccezionale per far conoscere i propri tesori”.

Si tratta perciò di un inizio nuovo con il classico arrivo a Sanremo dopo 288 chilometri: i 175 corridori partiranno alle ore 10 da piazza della Vittoria con l’incolonnamento dei ciclisti per l’avvio della sfilata cittadina fino al chilometro zero. Il percorso passa da corso strada Nuova e si immette in lungo Ticino Sforza per poi transitare interamente in viale Resistenza e svoltare alla rotonda in viale Partigiani. Si imbocca quindi il lungo rettilineo di viale Montegrappa, via San Pietro in Verzolo e viale Cremona per continuare lungo la strada provinciale in direzione Belgioioso, dove è situato il chilometro zero.  La Classicissima, dopo aver percorso 44 chilometri nell’Oltrepò Pavese fino a raggiungere Casteggio, riprenderà il tragitto tradizionale e passerà, in provincia di Alessandria, a Novi Ligure, in onore di Fausto Coppi e Costante Girardengo per poi dirigersi verso il Passo del Turchino e, dopo la discesa in direzione Genova – Voltri, proseguire sul ponente ligure lungo la statale Aurelia fino a Sanremo.

Grande favorito dal pronostico è Mathieu Van Der Poel, vincitore della precedente edizione.

Nella tradizione ciclistica italiana spiccano i nomi di Costante Girardengo e Fausto Coppi che ne hanno fatto la storia: infatti Girardengo, nato a Novi Ligure il 18 marzo 1893, tra il 1912 e il 1936 fu considerato il primo Campionissimo nella storia del ciclismo italiano, vincendo due volte il Giro d’Italia e ben sei volte la Milano-Sanremo alla quale partecipò per undici anni, classificandosi sempre tra i primi tre, meritando di essere definito “Il più talentuoso ciclista che il suolo italico ha mai visto pedalare” e legando il suo nome a tale gara in maniera indelebile.

Fausto Coppi, invece, grande corridore nato a Castellania, in provincia di Alessandria nel 1919, è noto anche per la rivalità con Gino Bartali; tale antagonismo nel secondo dopoguerra ha rappresentato uno degli argomenti sportivi più dibattuti d’Italia in quanto Coppi e Bartali che sono stati tra i più importanti ciclisti italiani e figure di assoluto rilievo nello scenario sportivo mondiale, negli anni 1940 – 1950 si diedero battaglia dominando il settore ciclistico sportivo alternandosi nella vittoria delle maggiori competizioni, tra cui otto Giri d’Italia (5 Coppi e 3 Bartali), 4 Tour de France ( due a testa), 7 Milano-Sanremo(4 Bartali e 3 Coppi).

Ai due grandi protagonisti del ciclismo italiano, a Novi Ligure (AL), dove entrambi hanno vissuto gran parte della loro vita, è stato intitolato il Museo dei Campionissimi che è costituito da uno spazio centrale dedicato all’evoluzione della bicicletta, dai primi modelli ad oggi; dalla Sala dei Campionissimi contenente cimeli, testimonianze inedite e pagine della Gazzetta dello Sport con servizi  sulle vittorie di Coppi e Girardengo; da due megaschermi su cui vengono proiettati filmati o sonori d’epoca sulle imprese dei due campioni; da un laboratorio videoludico in cui con l’utilizzo di una bicicletta reale computerizzata vengono creati diversi ambienti; da un laboratorio d’arte dedicato ad artisti che creano installazioni sul tema ciclismo, bicicletta e forme della bicicletta; da una sala espositiva in cui vengono allestite mostre e da una videoteca per la consultazione di filmati.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

ARTE: A ROMA I PECCATI CAPITALI DI ILARIA REZZI NELLA MOSTRA “PECCATI BLU”

Arte

E-PORTFOLIO – TUTOR: QUALE RUOLO PER LA MATURITA’?

Scuola

NASCE A MILANO IL PRIMO ALL YOU CAN EAT DI SCIATT E PIZZOCCHERI BIANCHI

Food & wine

TORNA L’ORA LEGALE

Attualità

PASQUA: SIGNIFICATO CULTURALE E RELIGIOSO                                                     

Attualità

I VIDEOGIOCHI D’AZIONE RISOLVONO IL DISTURBO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI A RISCHIO DI DISLESSIA

Scuola

RESPONSABILITA’ SOCIALE D’IMPRESA E LOTTA ALLA DISPARITA’ DI GENERE

Attualità

CRISI CLIMATICA E BIODIVERSITA’

Ecosostenibilità

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter