Connect with us

Scuola

DIDATTICA A DISTANZA: CONSEGUENZE PSICOLOGICHE PER GLI STUDENTI

Riflessioni di un Dirigente Scolastico

Il lavoro febbrile speso per garantire la ripartenza del nuovo anno scolastico in sicurezza non ha portato i suoi frutti; eppure tutto era pronto: protocollo di sicurezza, percorsi differenziati, didattica digitale integrata con attività sincrone ed asincrone, però, neppure il tempo di abituarsi a queste modalità che è arrivato lo stop improvviso che ha riportato tutti alla dad.

Incredulità, amarezza e sconforto, soprattutto, perché a costringere nuovamente a casa i nostri studenti non è stata la mancanza di pianificazione all’interno della scuola; e, se dal punto di vista dell’uso e della gestione degli strumenti digitali e tecnologici docenti e studenti erano ormai più pronti ed attrezzati rispetto ai mesi scorsi, lo stesso non si può dire per la tenuta psicologica, già messa a dura prova per gli effetti del lockdown primaverile; infatti sentimenti di tristezza e segnali di stanchezza si manifestano a vari livelli e non solo per le ore trascorse davanti al monitor del pc.

A mancare sono la relazione, la socialità, la condivisione, importanti per gli adulti, fondamentali per i ragazzi.

(da: pixabay.com)

Peraltro la dad non può essere definita del tutto improduttiva, nonostante il grande sforzo dei docenti nel calibrare i loro interventi a distanza con contenuti coinvolgenti e motivanti, ma non sempre si può definire proficua, anzi, spesso, costituisce un pericoloso banco di prova per i nostri adolescenti chiamati a coniugare volontà ed intelligenza senza l’indispensabile regia dei loro insegnanti. Se è vero, infatti, che occorre promuovere una modalità di apprendimento che consenta ai ragazzi di navigare in un contesto fluido ed incerto, sono, però, comunque indispensabili modalità di insegnamento centrate su dimensioni personali e relazionali, non realizzabili a distanza, che favoriscano lo sviluppo di competenze necessarie agli adolescenti per conoscersi e progettare in maniera autonoma, consapevole e responsabile.

Per fortuna ci ha soccorso il tempo che non si è fermato, quindi abbiamo dato il via alle tradizionali attività di orientamento, che di tradizionale non hanno più nulla, come pure si stanno avviando le attività per i PCTO (ex alternanza scuola-lavoro) e l’orientamento post diploma, oltre alle prove Invalsi che si svolgeranno tra marzo e maggio 2021 e a significativi progetti, tutti rigorosamente a distanza.

 L’ importante infatti è non stancarsi mai di programmare, per i nostri ragazzi e per noi stessi, neppure se non vediamo ancora la luce in fondo al tunnel; tutt’al più chiudiamo gli occhi, perché talvolta “ad occhi chiusi, gli occhi sono straordinariamente aperti!” e ci aiutano a  vedere nitidamente quella realtà che dobbiamo affrontare tutti i giorni con coraggio e pervicacia, trovando dentro ognuno di noi quell’<<élan vital>>, lo slancio vitale, introdotto da Bergson quale  caratteristica specifica dell’essere umano, forza spirituale che entra nella materia per dominarla e superarla, aiutando ognuno ad andare oltre le avversità della vita..

Silvana Fossati – Dirigente Scolastico Liceo Taramelli/Foscolo di Pavia

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

EUROVISION 2022: TORINO PRONTA AD ACCOGLIERE IL SONG CONTEST

Musica

COME IL COVID-19 HA PEGGIORATO LE DIPENDENZE: LO SHOPPING COMPULSIVO

Terzo settore

CHE MUSICA SUONEREMO DOPO FRANCO CERRI?

Musica

“IL MIGLIORE. MARCO PANTANI”: DAL 18 AL 20 OTTOBRE USCITA EVENTO AL CINEMA.

Cinema

KETTLEBELL: COS’È E A COSA SERVE

Fitness

MATRIMONI: LA NUOVA TENDENZA E’ IL “BALLO DEGLI SPOSI”

Attualità

IL FOLLE CHE VOLEVA ESSERE SE STESSO

Medicina

LA LEGGENDA DI CHARLES MINGUS IN UN GRAPHIC NOVEL

Musica

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter