Connect with us

Scuola

COVID-19: IMPATTO SUI SISTEMI EDUCATIVI EUROPEI

Ricerca e analisi a cura di:
Alberto Panzarasa (Dirigente Scolastico) e Davide Santostasi (Docente di Matematica e Fisica)

La presente analisi ha lo scopo di confrontare le scelte degli Stati europei riguardo alla frequenza scolastica durante l’emergenza sanitaria da Sars-Cov 2 nel 2020.
I dati, che si riferiscono alle fonti presentate in sitografia, sono aggregati considerando il periodo compreso tra il 24 febbraio 2020 e il termine dell’anno solare.

Si è tenuto conto di alcune condizioni che avrebbero potuto influenzare le decisioni dei diversi Paesi:
dal punto di vista sanitario, l’impatto della pandemia sulla Nazione in termini di numero di contagiati e di vittime;
dal punto di vista sociale, il grado di digitalizzazione del Paese e del corpo
docente e alcune problematiche specifiche delle scuole quali il livello di
dispersione scolastica, il numero di alunni per classe e l’età media del corpo
docente.

L’individuazione delle disposizioni attuate e da attuare nei prossimi mesi,
sicuramente complessa in un periodo di forte incertezza, avrà un impatto rilevante sul sistema educativo e di riflesso su tutta la società.

Mettendo tutti i dati a confronto appare difficile capire come:
tra i Paesi più colpiti dalla pandemia, Belgio, Croazia, Francia, Lussemburgo, Spagna, e Svezia abbiano lasciato le scuole quasi sempre aperte, mentre la Repubblica Ceca, pur con un livello di digitalizzazione inferiore rispetto ai precedenti, le abbia chiuse così a lungo;
tra i paesi con minori percentuali di contagio, Italia e Romania,
rispettivamente al penultimo e all’ultimo posto del report europeo sulle digital skills del cittadino, abbiano effettuato scelte così diverse sull’apertura delle scuole, e appare difficile credere che sia legato solo all’età media degli insegnanti.

Nonostante i fattori presi in considerazione nella presente analisi non siano
esaustivi, in quanto non sono stati considerati, ad esempio, la distribuzione
demografica e il sistema di trasporti, appare evidente che il quadro è estremamente complesso e articolato ed è difficile correlare i dati alle scelte effettuate dai Paesi sull’apertura delle scuole.
Tuttavia, l’unica e inevitabile conclusione che possiamo trarre è che, pur nel comune contesto europeo, Paesi diversi attribuiscono un’importanza diversa alla cultura e alla scuola nella società. E questo dovrebbe far riflettere.

SCARICA E LEGGI L’ANALISI COMPLETA DELLA RICERCA

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

DALLE BATTERIE USATE DEGLI SMARTPHONE SI RICAVANO SMALTI PER COLORARE LE PIASTRELLE

Ecosostenibilità

SEI UN VOLONTARIO? RACCONTA LA TUA STORIA DI AFFETTO CON I CANI

Volontariato

TREND DI MAGGIO DEGLI AFFITTI DI CASA IN ITALIA

Economia

VIA L’ESAME DI STATO PER LE PROFESSIONI SANITARIE

Attualità

INSETTI A TAVOLA, DISCO VERDE UE

Editoriale

BUONA FESTA DELLA MAMMA!

Antropologia

CRITERI E LIMITI DELLE ATTIVITÀ SECONDARIE PER GLI ENTI DEL TERZO SETTORE

Terzo settore

ARTSHARING PRESENTA LA MOSTRA DI VANZUK: “MORFOLOGIE MECCANICHE”

Arte

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter