Connect with us

Viaggi

PLITVICE: PARCO PIÙ ANTICO E PIÙ ESTESO DELLA REPUBBLICA DI CROAZIA

Date le sue eccezionali bellezze naturali, questo territorio ha da sempre attirato gli amanti della natura, non c’è dunque da stupirsi che l’8 aprile 1949 sia stato proclamato primo Parco nazionale della Repubblica di Croazia.

 Il processo di sedimentazione del calcare, responsabile della formazione delle barriere tufacee e dei laghi, rappresenta un valore unico e universale. Per questo motivo i Laghi di Plitvice, il 26 ottobre 1979, sono stati iscritti nella lista dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, ricevendo così la meritata consacrazione internazionale. L’area del parco nazionale è stata ampliata nel 1997 e oggi occupa una superficie di poco inferiore ai 300 km2.

Il parco è prevalentemente coperto da vegetazione boschiva, in misura minore da prati. La parte turisticamente più attraente – quella lacustre – occupa un po’ meno dell’1% della sua superficie totale.

Il complesso lacustre è formato da 16 laghi (jezera in croato) e da una miriade di altri specchi d’acqua minori, tutti disposti a cascata. Differente per substrato geologico e condizioni idrogeologiche, il sistema lacustre del parco è suddiviso in Laghi Superiori (Gornja) e Laghi Inferiori (Donja). I dodici Laghi Superiori, nati su rocce dolomitiche impermeabili, rispondono al nome di Prošćansko (jezero), Ciginovac, Okrugljak, Batinovac, Veliko jezero, Malo (jezero), Vir, Galovac, Milino (jezero), Gradinsko (jezero), Burget e Kozjak.

I Laghi Superiori (Gornja) sono più grandi ed hanno rive più frastagliate e docili rispetto a quelle dei Laghi Inferiori. Questi ultimi (chiamati Milanovac, Gavanovac, Kaluđerovac e Novakovića Brod) giacciono, invece, sulla roccia calcarea permeabile delle erte pareti di una gola molto stretta. Essi riversano la loro acqua, tramite imponenti cascate chiamate Sastavci, sul letto del fiume Korana, che scorre nella vallata sottostante.

Il Parco Nazionale Plitvička jezera, aperto tutto l’anno, offre ai propri visitatori sette programmi dedicati al complesso lacustre e quattro percorsi escursionistici di montagna. Chiunque visiti il parco deve attenersi alle istruzioni indicate nei cartelli informativi. 

Per meglio orientarsi nella zona lacustre, i visitatori che entrano nel Parco attraverso l’Ingresso I potranno scegliere uno dei quattro programmi proposti, indicati sui cartelli informativi con il colore verde .
I quattro programmi che partono dall’Ingresso II, invece, sono contrassegnati con il colore arancione.

All’interno del Parco ci si può muovere anche a bordo di battelli elettrici (lago Kozjak) e trenini panoramici elettrici, a bordo dei quali potranno salire soltanto i visitatori muniti di biglietto.

Il prezzo del biglietto di ingresso,  300 Kn (40euro), comprende il trasporto con il battello elettrico e il trenino panoramico nell’ambito del programma di visita prescelto e la polizza assicurativa per il visitatore.

Parcheggiare l’auto costa 10 Kn/ora.

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

I NUOVI INCENTIVI AUTO E MOTO

Ecosostenibilità

CURRICULUM VITAE: ECCO PERCHE’ SONO CESTINATI IN POCHI SECONDI

Attualità

“CIRCOLARI, MONTABILI E RICICLABILI”: C+S ARCHITECTS DISEGNA DUE PROTOTIPI DI SCUOLE MATERNE IN PIEMONTE

Scuola

LE NOVITA’ DEL DECRETO COESIONE E RIFORMA IRES – IRPEF

senza categoria

UTILIZZO DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE IN AMBITO MEDICO 

Medicina

DAL SENATO VIA LIBERA ALLE NUOVE NORME SULLA SCUOLA

Scuola

FISCO E ISTITUZIONI: LA RIFORMA FISCALE

Economia

LA NUOVA SFIDA EDUCATIVA DEL MINISTRO VALDITARA: IL “PIANO ESTATE”

Scuola

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter