Connect with us

Viaggi

Quel deserto che scivola verso La Mecca

Il Sud della Giordania, stretto tra 3 confini, rischia di staccarsi da un Paese in crisi economica e soggetto a tre sfere d’influenza: palestinese, transgiordana e beduino-araba. La deriva dell’area verso l’influenza saudita passa sotto silenzio, sormontata dal nodo West Bank e, a Nord, da quello siriano. Ma cosa accadrebbe se il neoeletto governo israeliano decidesse di annettere parte della Cisgiordania?

di G. Mangraviti

Dal retrovisore penzola la mano di Hasm, ad ogni curva asseconda il rollio dell’auto. Il dondolio è irregolare, svaria in forme ellittiche, larghe, quasi per contenere le svariate versioni del suo significato: portafortuna, segno di forza o, con quella pietra blu incastonata, sguardo protettivo di un qualche dio. Sullo sfondo al-Aqaba, affacciata su uno spicchio di mar Rosso, stretto tra sponde che man mano lo assottigliano, fino a farlo svanire. Angoli e incroci si smussano, e quando la strada si fa rettilineo ecco il deserto: un deserto che scivola verso La Mecca, anche se ancora in pieno territorio giordano. Sorvolarlo è coglierne la pienezza.

di G. Mangraviti

Rocce e sabbia sono gli abiti di Wadi Rum, area nota turisticamente, ma ancora ignota se percorsa in direzione della penisola arabica tramite due attraversamenti frontalieri: quello di Durra e, a Sud-Est, di Halat Ammar.

di G. Mangraviti

Pur essendo nel regno hashemita, qui la realtà evidenzia la supremazia della cultura beduino-saudita; uno stato di fatto innegabile e – ascoltando diverse voci di chi vi abita – sempre più preponderante. Del resto, già

di G. Mangraviti

ad al-Aqaba, unico sbocco portuale giordano sito in cima ad uno dei due corni divisi dalla penisola del Sinai nel mar Rosso, significa constatare che in un fazzoletto di terra di appena 30kmq – comparabile all’estensione di comuni come Ivrea o Avellino – convergono ben 4 confini nazionali; stretti in un budello, qui si accostano gli stati di Giordania, Israele, Egitto e Arabia Saudita. Ciò significa che, mentre si procede verso Sud-Sud Est, si lasciano alle spalle minuscoli segmenti di km che collegano città tra loro straniere: 15km tra al-Aqaba giordana ed Elat israeliana, 11 tra questa e Taba egiziana, 35 di litoranea tra al-Aqaba e Haql saudita. Basta però allontanarsi un centinaio di km da questo incrocio per scoprire l’esiguità dei villaggi, cellule ora stanziali che ancora rivelano le origini irregolari di accampamenti beduini.

di G. Mangraviti

Così, forse per il peso del Jebal Umm al-Dāmī, che con i suoi 1800 metri primeggia tra le cime giordane a due passi dalla frontiera araba, forse per l’asfalto che via via si fa terra battuta, l’addentrarsi nella polvere delle piste sembra scoscendere verso l’imbuto saudita.

di G. Mangraviti

Un’attrazione, quella di er-Riyāḍ, esercitata ben oltre i propri confini, nella consapevolezza di quanto la monarchia parlamentare hashemita sia sempre più strozzata da un deficit economico che gravita intorno al -11%. Del resto, uno stipendio medio giordano tocca quota 400€, mentre il dio petrolio sembra non portare fortuna: è esclusivamente d’importazione, e il costo/litro del carburante è quasi equivalente a quello italiano.

di G. Mangraviti

A ciò si aggiunga assenza produttiva di larghi beni di consumo e import massivo, dal food alle merci industriali. Turismo e servizi annessi costituiscono il solo binomio che porta utili, generando però – proprio in questa parte di Paese – un dualismo affaristico tra transgiordani e beduini; avendo a che fare col deserto, questi ultimi appaiono però egemoni. Da più di 30 anni tribù beduine che vantano origini “Salman” si sono insediate nel Sud della Giordania, trasformando la ormai residuale attività di pastorizia in accoglienza turistica e gestione di siti desertici. Palestinesi e transgiordani, che rappresentano la maggioranza nel regno hashemita, mal sopportano questa concorrenza e, non di rado, criticano l’impotenza dell’Amministrazione che non sembra adoperarsi per far rispettare le leggi. Nei compound del business beduino vigono infatti codici non scritti: da pick-up che viaggiano tranquillamente senza targa alla reticenza della polizia giordana, che evita di entrare anche solo per dirimere semplici controversie.

di G. Mangraviti

Certo, inezie se confrontate al crinale di incognite su cui vive la Giordania odierna: tra l’eventualità di Gerusalemme come prossima capitale israeliana sul confine West Bank alla costituzione dello stato palestinese e conseguente trasformazione del regno hashemita in confederazione, progetto gradito all’amministrazione Usa e saudita. Nulla di strano, dunque, che quest’ultima lavori per rafforzare l’egemonia islamico-culturale proprio nel Sud del Paese: innanzitutto, per accaparrarsi l’opportunità turistica di questo lembo di deserto, quindi per contrapporre la predetta egemonia all’eventualità che Israele annetta parte della Cisgiordania. In entrambi i casi, i transgiordani si troverebbero in una morsa: da una parte, ulteriori 5ml di palestinesi che spingeranno per essere naturalizzati, dall’altra tribù beduino-arabe padrone dell’unica fonte di sostentamento. Un orizzonte cupo, tra sabbia e rocce.

di G. Mangraviti

ISCRIVITI
ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Post di tendenza

SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO: IL RITORNO DEGLI SCRITTI ALLA MATURITA’

Scuola

SALE E SALUTE

Medicina

MATRIMONIO ESTIVO: IL MAKEUP DELLA SPOSA:

Estetica

Basteranno gli Investimenti di Bankitalia per raggiungere gli obiettivi Green europei?

Economia

LA VITA: ISTRUZIONI PER L’USO. ECCO I NOSTRI LABORATORI DI GIORNALISMO

Lab giornalismo

JULIA DUCOURNAU E’ LA REGINA DI CANNES

Cinema

INTELLIGENZA ARTIFICIALE E GIORNALISMO: COME CAMBIA L’INFORMAZIONE

Attualità

SVILUPPO SOSTENIBILE: IL DECRETO SEMPLIFICAZIONE 2021

Ecosostenibilità

Articoli recenti

Facebook

Connect
Newsletter